5 min read
Emma Nauleau-Laplanche - nov 4, 2022

Intervista digimind carriera : Stephen Dale

Stephen Dale interview (Blogpost Cover) 2

Digimind, leader mondiale nel social listening e nella competitive intelligence, offre diversi programmi e opportunità ai suoi “Digiminder” per permettere loro di seguire i loro interessi durante la carriera in azienda, affinché continuino a migliorare le loro competenze. 

 

La possibilità di avere un percorso basato sugli interessi propri dei dipendenti permette loro di avere una crescita costante, di sviluppare le loro passioni e di perseguire i loro interessi in un ambiente favorevole e incoraggiante. Inoltre la celebrazione degli interessi e dei successi individuali consente di migliorare il lavoro di squadra, creando un team più inclusivo e coeso.

Questa intervista con Stephen Dale, mostra il suo percorso professionale all'interno di Digimind e i diversi interessi che ha avuto la possibilità di esprimere durante la sua esperienza.

 

Qual è la sua posizione attuale e quali sono le sue responsabilità? 

 

Attualmente ricopro la carica di Vicepresidente delle vendite, dove dirigo principalmente le attività di new business e le strategie di acquisizione dei clienti su scala globale. Il mio ruolo si articola su tre assi: generazione di ricavi, supporto manageriale e miglioramento delle soluzioni per i clienti. 

 

Collaboro e offro supporto ai direttori regionali delle vendite in LATAM, USA, EMEA e APAC per aiutarli a raggiungere i loro obiettivi di business attraverso un approccio pratico, mettendo a disposizione dei vari team la mia esperienza e le mie competenze.

 

Dirigo anche l'ufficio che si occupa della gestione del Nord Europa, situato ad Amsterdam, città dove vivo attualmente. È proprio da qui che supporto il nostro team di vendita e le attività globali di prevendita, dove siamo in costante crescita e aggiornamento per le soluzioni che presenteremo poi ai clienti, sia acquisiti che potenziali, in modo da potergli offrire il meglio della categoria. 

 

Può parlarci del suo percorso in Digimind? 

 

Il mio percorso è iniziato come rappresentante per lo sviluppo del business a Parigi nel 2010. Ho poi ricoperto diversi ruoli di vendita e marketing nel Regno Unito, dove ho potuto comprendere al meglio i “punti deboli” dei nostri clienti. Sono stato rapidamente promosso a un ruolo di account executive, diventando uno dei top performer del team EMEA e questo mi ha permesso di trasferirmi a Singapore nel 2013 e di “co-aprire” la nostra attività APAC. 

 

A Singapore le cose sono andate davvero bene, abbiamo un team di oltre 25 dipendenti che raddoppia il fatturato di anno in anno e garantisce margini di profitto elevati, tali da essere considerata una delle entità di maggior successo di Digimind. A parte il successo dell'attività a Singapore, ciò che mi ha dato più soddisfazione è stata la costruzione di una cultura aziendale. Un luogo in cui le persone potessero imparare, condividere idee e contribuire ad una crescita reciproca del singolo, dove fosse possibile avere un buon equilibrio tra lavoro e vita privata e riuscire ad avere successo allo stesso tempo. 

 

A metà del 2020, proprio all'inizio della pandemia, è arrivato il momento di tornare in Europa, questa volta ad Amsterdam. Il motivo del mio trasferimento ruotava attorno la necessità di costruire una nuova entità che potesse gestire il mercato dell'Europa settentrionale. Tutto ciò mi ha portato al mio ruolo attuale, in cui gestisco le operazioni di new business di Digimind a livello globale.

 

Qual è stata la sua prima impressione su Digimind? Cosa c'è di Digimind? 

 

Non avevo mai lavorato nel settore tecnologico, quindi non sapevo esattamente cosa aspettarmi, quello che ho trovato é stata un'azienda molto “friendly” e simile a Google come modello. È un ambiente semplice, lontano dal concetto classico di azienda dove tutti sono disposti ad aiutarsi a vicenda e a farti raggiungere i tuoi obiettivi. Era un ambiente davvero divertente e ogni giorno non vedevo l'ora di andare in ufficio per poter imparare cose nuove. Mi è piaciuta molto l'apertura culturale, si poteva parlare tranquillamente con chiunque, anche con l'amministratore delegato, e questo è un aspetto che ho sempre apprezzato molto.

 

Quanto sono importanti per lei i valori di Digimind (intraprendente, benevolo e imprenditore)? 

 

Questi tre valori rappresentano tutto ciò che sono e tutto ciò che ho raggiunto, quindi si può dire che ho abbracciato pienamente la cultura e la mentalità di Digimind. 

In quest’azienda bisogna lavorare sodo e, sebbene ci sia molto sostegno, le cose non vengono servite su un piatto d'argento, se si insegue il successo bisogna essere ingrado di mettersi in gioco per ottenerlo. Per progredire rapidamente, bisogna anche avere molto spirito imprenditoriale e un pizzico di astuzia, oltre a dover essere in grado di sapersi autogestire. La benevolenza è un po’ una seconda pelle in Digimind e, a mia volta, tenendo molto alle persone che gestisco, desidero per loro quanto più successo possibile, oltre che possano essere felici nel lavoro che svolgono e nella loro vita personale. Questo è il caso di Digimind nel suo complesso e credo davvero che in una realtà ci sia una forte attenzione verso le persone presenti al suo interno, andando sempre alla ricerca del meglio per loro.

 

Perché consiglia di lavorare in Digimind? 

 

Vengono messi a disposizione tutti imezzi possibili per realizzare i propri obiettivi. Proponiamo una soluzione leader del settore, c'è la possibilità di avere accesso a tutti i livelli di seniority, il settore è in rapida evoluzione, lavorano su argomenti il più possibile attuali e in real-time. Inoltre nel nostro settore ogni marchio sta cercando di comprendere al meglio i bisogni dei propri clienti, siamo un'organizzazione presente in tutto il mondo, il che significa che ci sono opportunità anche a livello di trasferimento, così come l'ampiezza e la profondità dei ruoli che abbiamo per la progressione di carriera. E poi c'è la cultura unica di Digimind. 

Con la recente acquisizione da parte di Onclusive, ora facciamo parte di un'entità più grande che ci offre l'opportunità di crescere più rapidamente che mai. Infine, sono io stesso la prova che in questa grande azienda si possano raggiungere molti traguardi e sono fortunato e grato di aver avuto l'opportunità di brillare. 

 

 

Informazioni su Digimind

Digimind è leader mondiale nello sviluppo di piattaforme di social listening, market intelligence e competitive intelligence alimentate dall'intelligenza artificiale, progettate per i brand e le agenzie che vogliono accelerare la trasformazione digitale attraverso un approccio basato sugli insight.

La tecnologia di Digimind, la migliore del settore, trasforma i dati online e dei social network in insight di business attuabili, consentendo ai professionisti del marketing di pianificare, eseguire e analizzare in modo efficace la propria strategia di marketing. Con sedi a New York, Parigi, Singapore, Grenoble, Rabat, Buenos Aires e Madrid, Digimind fa parte di Onclusive, un partner globale per le relazioni pubbliche e il successo della comunicazione.

 

Inoltre, nell'ambito della sua strategia di CSR, Digimind offre un accesso privilegiato ai suoi strumenti di monitoraggio dei social media a scuole e organizzazioni no-profit. Questo nuovo programma, digimind.org, è stato implementato per estendere questa iniziativa a un numero maggiore di associazioni e per aprirla all'istruzione secondaria. 



Sei alla ricerca di un lavoro? Consulta le nostre posizioni aperte sulla nostra Career Page. Siamo sempre alla ricerca di nuovi talenti!

 

Scoprite cosa significa essere un Digiminder con Alina Taher, Nawfal Khalil e Nisha Murali.

 

Scopri come i Digiminder migliorano continuamente le loro competenze

 

Written by Emma Nauleau-Laplanche

Mi chiamo Emma Nauleau-Laplanche, sono una stagista CSR presso Digimind. Aspiro a continuare a lavorare e a progredire nei settori della CSR e dello sviluppo sostenibile. Ciò che mi ha spinto a lavorare in questo campo è stato il periodo trascorso in Sud America con The Traveling School, una scuola basata sull'apprendimento esperienziale, che mi ha fatto riflettere sul mio impatto sul mondo. Da allora, mi piace vedere cose nuove e ho conseguito una laurea in Scienze Ambientali a Singapore e un Master in Gestione della Sostenibilità al Politecnico di Milano.