Inizio di maggio, ecco la notizia: Instagram decide di cambiare il proprio logo e di optare per un generale restyle della propria immagine. Si tratta della prima operazione di cambio dell’identità visual del brand a partire dalla nascita della piattaforma nel 2010.

Già dalle prime ore dal lancio della novità, gli utenti si sono immediatamente espressi online. Come ad ogni cambiamento legato alla brand identity di un marchio, le opinioni sono state principalmente negative. Basta fare una carrellata dei tweet legati all’hashtag #instagramlogo.

Detto questo, limitarsi a questa prima osservazione sarebbe limitante. Per questa ragione, in questo post proveremo a rispondere ad alcune domande:

  • Come? Un approfondimento sul sentiment.
  • Dove? Quali sono le principali piattaforme di conversazione e le aree geografiche più attive.
  • Cosa? Temi e contenuti legati all’operazione di rebranding.
  • Chi? I top contributor.

Comunque, inizieremo con una breve panoramica legata ad alcune riflessioni sul visual rebranding.

Alcune cifre

Instagram_percentuale_crescita
La percentuale di crescita degli utenti su Instagram (Source : GWI)

Instagram dichiara più di 400 milioni di utenti iscritti in tutto il mondo. Gli  Instagramers hanno condiviso più di 30 miliardi di foto fino ad oggi, di cui 70 milioni quotidianamente (Instagram – settembre 2015).

 

Instagram_utenti_attivi
Il numero di utenti attivi su Instagram è raddoppiato (Source : GlobalWebIndex)

 

Perché gli utenti e i consumatori (generalmente) non amano i cambi di logo, compreso quello di Instagram?

Esposizione quotidiana

I loghi dei brand ci accompagnano quotidianamente, non tutti (però) con la stessa frequenza. Ad esempio, i social media, le app e i servizi online come Facebook, Google, Spotify e Instagram hanno un’esposizione legata all’utilizzo e che quindi si ripete per decine di volte al giorno. Diversamente da quanto accade per le insegne dei luoghi fisici, fisiologicamente caratterizzate da una copertura minore.

Instagram_nuovo logo
Il nuovo logo di Instagram e delle sue applicazioni Hyperlapse, Boomerang e Layout

 

Un oggetto non stilizzato

 Instagram_cake

Nel caso specifico di Instagram, il logo precedente ha rappresentato un’icona radicata a livello generazionale: caldo, amichevole e che si è prestato a diverse declinazioni legate alla vita offline.

 

Tutto ciò ha rappresentato una sfida non facile per creativi e designer.

Instagram_Design
Instagram design


I cambi di logo introdotti tramite innovazioni sottili

Google passe au "flat design" en 2013
Google ha scelto il “flat design” nel 2013

Alcuni loghi, ad esempio Facebook, introducono in maniera sottile i cambiamenti. In questo modo non generano ‘traumi’ e disorientamenti nei consumatori. Molti cambiamenti vengono generati gradualmente e spesso gli utenti non colgono le differenze.

Facebook_logo
Il cambiamento di logo di Facebook

Detto ciò, anche i cambiamenti sottili possono attirare le ire degli utenti. Ad esempio, il caso del nuovo logo di Spotify avvenuto a giugno 2015.

Les changements de logos Facebook et Spotify

 

Il caso Instagram

Instagram_sentiment_logo
I 70% del sentiment relativo al cambio di logo è negativo.

 

Il cambio di identità visiva di Instagram è statro radicale, come prevedibile le reazioni degli utenti non si sono fatte attendere.

Negative_sentiment_logo_instagram

Non dobbiamo però dimenticare che il 28% degli utenti, percentuale da tenere in considerazione, hanno espresso un parere favorevole al cambiamento.

Di seguito, i principali temi segmentati in base al sentiment.

Instagram_logo_sentiment_argomenti
Segmentazione del sentiment

 

Se come da aspettative la maggior parte delle conversazioni si sono concentrate su Twitter (75%), le aree geografiche che hanno dato un maggior contributo sono rappresentate nella mappa. La top three è composta dalle principali metropoli Milano, Roma e Napoli.

Instagram_logo_geographical_segmentation
Le aree geografiche più attive.

Dall’analisi dei temi chiave risulta evidente il sentiment degli utenti, interessante da evidenziare la buona copertura del video di presentazione del nuovo logo.

Instagram_logo_temi_chiave
I temi chiave.

 

Tra tutte le conversazioni, segnaliamo la contestuale attività di real-time marketing di Peugeot Italia.

Real time Peugeot
Real-time marketing.

Concludiamo infine con un approfondimento sui top contributor.

Instagram_logo-tio_contributor
I Top Contributor.

 

Il cambiamento può essere rischioso.

Vi ricordate del caso di Gap nel 2010? Il brand pubblica il nuovo logo e a seguito delle proteste online è costretto a fare marcia indietro dopo 7 giorni. Ovviamente non è comparabile al caso di Instagram, tuttavia va sottolineata l’importanza delle attività di monitoraggio pre e post ogni operazione di rebranding.

Gap
Gap e il cambio di logo.

 

Non sappiamo quali saranno i prossimi cambiamenti ma nell’attesa di un futuro lancio del 3° logo di Instagram, voi cosa ne pensate di quello attuale?





KPis e social media marketing




Rispondi