3 cose che i marketers possono imparare da “Find the Panda”

Nelle ultime settimane, i disegni-enigma di Gergely Dudás hanno coinvolto tantissimi social addicts (e non solo) in tutto il mondo.  Come una versione moderna di Where’s Waldo, “Find the panda among the snowmen” è stato un grattacapo per tutti quelli che hanno scandagliato la foto da cima a fondo, cercando l’animale in un mare di bianco, nero e nasi di carota.

Qui il trucco per risolvere il disegno di Dudás: al posto di cercare il volto con le due orecchie bianche e nere – che possono facilmente confondersi con gli occhi dei pupazzi di neve – cerca quello a cui manca il naso di carota.

 

snow

 

Panda-monio visivo a parte (scherzando), “Find the panda” fa leva su un concetto fondamentale nel market research e nel data analysis: sapere cosa si cerca.

Mentre l’avvento della tecnologia come i command centres ed i real-time data hanno entusiasmato marketers ed analisti, come è possibile tradurre tutti gli Aah e Ooh delle nostre azioni marketing in grafici e misurazioni? Come bisogna approcciare l’enormità di dati che i social media permettono di estrapolare? Ecco qualche consiglio:

1. Inizia pensando alla fine 

Avere un piano di analisi definito in precedenza è indispensabile. Questo aiuta a delineare quali dati ed insight considerare avendo in testa quali sono gli obiettivi finali. Il punto di arrivo è tutto. Questo è il segreto di ogni strategia efficace. Inoltre cio’ aiuta a prevenire la paralisi generata dall’ overload di dati.

2. Non guardare tutto! 

E’ un po’ come andare a un buffet – non ce la farai mai a mettere tutto in un solo piatto. Focalizzati su cosa è importante per il tuo team ed il tuo progetto, altrimenti resterai facilmente impigliato dall’accumulo di dati di cui la rete è composta.

3. Scava tra i dati 

Spolia i dati, semplificali. Lascia che sia la tua stratgeia a guidarti nel selezionare i dati e nel semplificarli. Cosi puoi eliminare cio’ che è superfluo, fare leva su cio’ di cui hai bisogno e categorizzare le cose importanti in modo da riutilizzarle quando servono.

Ora, riesci ad individuare il panda?

Find the Panda picture taken from http://imgur.com/

 

Maria Beccia
Business Consultant specializzata in progetti di competitive intelligence e social listening. Nel tempo libero amo viaggiare, leggere e gustare i sapori della mia Puglia.

Rispondi