Presentata per la prima volta nel 1961 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la farmacovigilanza (FV) permette di rilevare gli effetti indesiderati o non voluti di un farmaco dopo la sua commercializzazione. In questo scenario, i social media non sono i primi strumenti che vengono in mente quando parliamo dell’industria farmaceutica.

Detto questo, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un aumento esponenziale dell’uso dei social media per questioni e problematiche relative alla salute. La domanda allora sorge spontanea, come il social listening può impattare in maniera significativa le attività di farmacovigilanza e di monitoraggio del settore di riferimento?

1- RILEVARE le conversazioni più rilevanti segmentando tutte le fonti disponibili: tweets, forum, blog, magazine specializzati, etc.

2- RACCOGLIERE dati ed insights per il team di Ricerca & Sviluppo in merito ai bisogni non corrisposti del mercato.

3- GESTIRE potenziali crisi attraverso alert personalizzati ed informazioni in tempo reale direttamente dalle piattaforme più rilevanti

4- MONITORARE la brand reputation prima del lancio di prodotto. In questo modo, potrai conoscere le opinioni dei consumatori e sfruttarle per declinare al meglio la strategia di comunicazione.

È indispensabile che il settore farmaceutico comprenda l’importanza del social listening per analizzare le conversazioni dei consumatori. Non soltanto per promuovere nuovi prodotti ma anche per vigilare sulla sicurezza dei consumatori. Se cerchi ulteriori informazioni in merito, puoi consultare il nostro nuovo ebook.

Attraverso questa infografica potrai scoprire l’importanza del social listening per l’industria farmaceutica e per ogni sistema di farmacovigilanza.

 

Digital Health



New Call-to-action




Federico Oliveri

Inbound Marketing Specialist per l’Italia di Digimind, specializzato in strategia, social listening e monitoring. Blogger per IAB Italia e Webhouse, speaker e formatore. Il mio obiettivo quotidiano è aiutare brand, agenzie e professionisti a trasformare i dati in strategie profilate, asset di business e risultati tangibili.

Rispondi