L’ottimizzazione della produttività aziendale, oltre che dei singoli dipartimenti, passa (sempre di più) dalla capacità di mettere in campo una corretta strategia di Business Intelligence. Conseguentemente, diventa essenziale definire una metodologia che sappia trasformare la grande mole di big data rilevati in actionable insights da trasferire ai decision maker e alle aree aziendali di riferimento. Infatti, il motto della BI è “the right information reach the right people at the right time”.

Analisi-big-data
Il processo di raccolta, classificazione ed analisi dei big data.

Troppo spesso, assistiamo ad un processo di raccolta dei dati privo di una classificazione ed organizzazione in grado di trasformarli informazioni chiare, interpretabili ed utili per lo sviluppo del business aziendale. Per questa ragione, andremo a coprire alcune applicazioni pratiche della BI. Si tratta di best practices declinabili per ogni categoria di business e segmentate in base al valore che possono apportare ai principali dipartimenti aziendali.

  • Marketing

Si tratta del dipartimento aziendale che spesso è percepito come il principale centro di costo. Gli investimenti relativi a lead generation, digital advertising, PR ed eventi crescono sempre di più, quindi bisogna saper dimostrare il ROI e il successo delle proprie campagne. La Business Intelligence permette di monitorare i KPIs non prioritari (non associati alle metriche degli owned media) legati alle azioni messe in campo: share of voice, advocacy, tendenze e  sentiment delle menzioni. Inoltre, è possibile effettuare una segmentazione in base al peso delle fonti, utilizzando gli score relativi alla rilevanza e capacità di diffusione. In questo modo, sarà più semplice dimostrare il valore delle proprie decisioni. Inoltre, l’analisi territoriale (una particolare area geografica) e delle conversazioni a tema rende possibile una migliore profilazione del target. Tramite questa attività, si potranno ottimizzare le rappresentazioni delle proprie buyer personas e (più in generale) le tattiche su cui far leva per la lead generation. Senza dimenticare di analizzare costantemente i competitor e i loro lanci di prodotto, eventi e partnership.

business-intelligence-schema
Lo schema del piano di Business Intelligence.
  • Sales

L’opportunità di monitorare decision maker ed account chiave permette di migliorare le attività di prospecting e di customizzazione delle offerte commerciali. Ovvero, fornire pacchetti su misura, in grado di rispondere a domande e necessità specifiche. In aggiunta, i dati raccolti andranno ad integrare il CRM aziendale, tramutandosi in una migliore gestione del cliente e della customer loyalty. Tutte queste attività, aiuteranno la forza vendita nel stilare una rappresentazione della tipologia di cliente maggiormente profittabile. Utilizzando questa raffigurazione per le nuove azioni di contatto.

Organizzazione-business-intelligence
Le domande a cui rispondere per definire l’organizzazione del piano di Business Intelligence.

 

  • HR

Le risorse umane non sono più (soltanto) un dipartimento totalmente incentrato verso l’azienda ma in grado di osservare strategicamente il mercato. La Business Intelligence permette di monitorare la politica di recruting, segmentata per area geografica, messa in campo dai competitor. Tramite questa analisi puoi comprendere le strategie di espazione territoriale e valutare le eventuali mancanze (da colmare!) presenti nel tuo team di lavoro in una data area.

  • R&S

Analizzare opinioni e suggerimenti degli utenti, in merito ai tuoi prodotti e servizi, permette di avere svariati insights da condividere con i vari dipartimenti coinvolti. In questo caso, la funzione relativa alla ricerca e sviluppo può integrare questi feedback per migliorare l’offerta attuale o per integrare quella attuale.

analisi-online-trend
Data visualization: evoluzione offerte di lavoro per paese.

 

I vantaggi che la Business Intelligence può portare alle aziende sono svariati ma dipendono dalla capacità di mettere in moto un piano strategico fatto di modelli organizzativi e risorse, raccolta e classificazione dei dati, reportistica e valorizzazione dei risultati.



New Call-to-action

Rispondi