In questo post scopri come generare su Youtube insights sul tuo pubblico di riferimento, oltre che alcuni consigli pratici per impostare un’efficace digital strategy.

Negli ultimi anni, i consumatori vivono la vita quotidiana attraverso due schermi: un occhio rivolto alla televisione e l’altro al proprio smartphone – dove il video ha preso il centro della scena. Youtube, in poco più di 10 anni, è diventato una piattaforma imprescindibile non solo per i brand ma anche per gli utenti. La piattaforma ha oltre un miliardo di utenti che generano un numero incredibile di visualizzazioni ogni giorno. Inutile sottolineare le potenzialità per i brand, sopratutto se si riesce a far parlare gli YouTubers dei propri prodotti! Con milioni di video pubblicati ogni giorno (300 ore di video al minuto), si possono generare insights sui clienti e sul loro modo di utilizzare ed  incorporare l’esperienza di prodotto nella vita di tutti i giorni

Consumer insights tramite YouTube

Abitudini di consumo

Il fenomeno dei ‘video haul’ evidenzia ancora una volta l’importanza del fattore online per veicolare acquisti e tendenze di consumo. I brand possono monitorare le azioni e i desiderata dei propri consumatori, oltre che tenere sotto controllo le strategie dei propri competitor. Senza dimenticare che è possibile indagre i propri punti di forza e debolezza: la SWOT al tempo del Second Screen!

BLACK FRIDAY HAUL 2015! | Aspyn Ovard
BLACK FRIDAY HAUL 2015! | Aspyn Ovard

Qual è l’esperienza di prodotto della tua audience?

I tutorial online sono una fonte incredibile di insights ed informazioni a disposizione dei brand, in quanto permettono di esaminare con precisione l’utilizzo dei prodotti. Ad esempio, per i brand di make-up come Maybelline, le guide in rete danno la possibilità di comprendere quali prodotti vengono associati al proprio. Queste informazioni possono essere utilizzate al meglio tramite iniziative di co-branding o per lanci di (nuovi) prodotti mirati.

Opportunità di cobranding su Youtube
Utilizzo congiunto di prodotti l’Oréal e Maybelline.

Customer satisfaction

Un’ulteriore ragione per monitorare Youtube è la possibilità di identificare eventuali recensioni negative da parte di influencers ed opinion makers. Ovviamente, il monitoraggio deve tenere conto del peso del maggior diffusore e della velocità di propagazione. In questo modo possono essere rapidamente identificate eventuali criticità e soddisfatti bisogni del mercato non tenuti in considerazione.


Recensione di un prodotto su Youtube
Recensione di un prodotto su Youtube

C’è spazio per il tuo prodotto nella vita quotidiana dei consumatori?

Ogni giorno vengono caricati milioni di video dove i brand sono immersi nella vita quotidiana dei consumatori. Puoi comprendere qual è il ruolo dei tuoi prodotti per gli utenti, oltre che le emozioni associate ad esso, e chi sono i decision maker che possono veicolare i compartamenti d’acquisto. Inoltre è possibile identificare i periodi migliori per la commercializzazione, il consumo e la programmazione di campagne mirate.


pringles


5 consigli per i Brand su YouTube

Sfrutta i tutorial per dare consigli

Gli influencer non sono i soli a creare tutorial. I brand possono sfruttare questo formato per dare consigli sulle diverse possibilità di utilizzo del proprio prodotto e per ottimizzare le attività di customer care. Inoltre, vi è l’opportunità di fare leva sulle tendenze del momento  per creare campagne contestuali (in ottica real time marketing) ed intercettare i bisogni dei consumatori.


Un esempio di tutorial su YouTube legato al settore food & beverage
Un esempio di tutorial su YouTube legato al settore food & beverage.

Utilizza messaggi esclusivi

Segmenta la comunicazione tramite messaggi esclusi e differenziati rispetto alle altre piattaforme. Ad esempio, la durata del video di H & M con David Beckham è di trenta secondi in televisione e di più di 6 minuti su Youtube. Il canale permette anche di creare una brand experience immersiva e totalizzante, tramite making of, backstage , ecc … Questa tipologia di comunicazione alimenta il rapporto con il cliente e permette di raggiungere un target più ampio.

H&M-DavidBeckham

Fai leva sugli esperti

Youtube è anche un luogo ideale per veicolare un’informazione completa sul mondo del brand, senza risultare ridondanti. Questa tipologia di contenuti è perfetta per trasmettere credibilità e competenza, proiettando l’attendibilità degli esperti sulla propria azione. Infine, diventare una fonte di informazione permette di ottimizzare le attività di Digital PR e allargare il bacino di utenti raggiunti.

JPMorgan su Youtube
JPMorgan su Youtube

Genera engagement

I video su Youtube sono i luoghi perfetti per inserire le proprie CTA, segmentando gli obiettivi a livello tattico: sottoscrizione del canale, traffico al sito, promozione di contenuti particolari, note e curiosità sul brand. In sostanza ci sono diversi inviti all’azione che consentono una migliore visibilità e un più alto tasso di engagement, permettendo inoltre di superare il mero dato delle visualizzazioni.

 

lancome su youtube

Comunica la corporate social responsibility

I brand possono dare visibilità ai propri impegni sociali e ambientali tramite la piattaforma. Si tratta di una scelta strategica in quanto (ad esempio) le partnership con le ONG portano benefici tangibili legati al posizionamento e alla brand identity.

Louis Vuitton Unicef

In conclusione, possiamo affermare che Youtube è una piattaforma strategica in quanto permette di avere una migliore comprensione del consumatore e sull’esperienza di consumo.

Dalla brand awareness all’engagement, dalla customer satisfaction alla loyalty: se avete case history interessanti da segnalarci, lasciate un commento.


KPis e social media marketing




Rispondi