Come migliorare la strategia di Content Marketing

La strategia di content marketing acquista sempre di più importanza, in termini di investimenti, professionalità e apporto ai risultati aziendali. Tuttavia, spesso non vi è una piena consapevolezza sugli indicatori da tenere monitorati per migliorare le 2 fasi chiave della content marketing strategy:

  1. pianificazione
  2. ottimizzazione.

Soltanto tramite una chiara definizione delle metriche di riferimento si potrà declinare una strategia in grado di segmentare il pubblico di riferimento, selezionare gli asset più efficaci, muovere gli utenti lungo tutto il percorso del funnel di conversione.

Per questa ragione, in questo articolo trovi un approfondimento sugli indicatori più rilevanti per ogni fase della strategia di content marketing. Inoltre, troverai alcune best practices per sfruttare al meglio gli insight generati.

Pianifica la strategia di content marketing

La fase di pianificazione si basa su 2 punti cardine: segmentazione e targeting. Conseguentemente, l’analisi del pubblico e del mercato di riferimento deve generare le seguenti indicazioni:

  • volume, trend e temi di conversazione di clienti e prospect
  • demografiche (età, genere, impiego, aree geografiche etc.)
  • influencer e canali/piattaforme di riferimento
  • benefit ricercati e principali criticità in merito a prodotti, servizi e assistenza
  • reazioni (sentiment analysis) alle leve di marketing introdotte (campagne, pricing, ditribuzione, etc.) e brand loyalty (segnalazioni, raccomandazioni, tipologia di acquisto)
  • top content, engagement rate e formati di maggior impatto.

Non dimenticare di mettere in relazione questi dati a risultati e performance dei tuoi competitor.

Come utilizzare questi insight? 

L’analisi precedentemente effettuata ti permette di segmentare le audience di riferimento e quindi di passare alla fase successiva, ovvero il targeting. Utilizza questi dati per dare forma alle tue scelte:

  • dimensione del target – il volume delle conversazioni giustifica l’investimento?
  • value proposition e benefici – quali sono le principali evidenze per differenziare copy, visual, formati e messaggi?
  • tendenze – emergono evoluzioni in grado di anticipare trend futuri?
  • accessibilità e posizionamento – qual è il livello di competizione attorno a un determinato tema, piattaforma, tipologia di contenuto o target?
  • riferimenti dell’audience – il network degli influencer e i canali hanno un impatto significativo?
  • utenti – le indicazioni in mio possesso permettono di affinare le attività di paid advertising e/o di identificare eventuali brand ambassadors?
  • KPIs – in base alle precedenti valutazioni, posso definire con chiarezza le metriche di riferimento?
Strategia di Content Marketing: analisi di temi, canali e volumi
Strategia di Content Marketing: analisi di temi, canali e volumi delle conversazioni a tema.

Ottimizza la strategia di content marketing

Come sappiamo, il processo di creazione e distribuzione deve essere accompagnato da un fine tuning continuativo e costante. Per questa ragione, i tuoi report settimanali/mensili relativi alla performance devono includere

  • risultati segmentati per canale
  • top content in relazione alle diverse audience
  • temporalità (in media) o evoluzioni del contenuto/formato e dei rendimenti complessivi
  • n° di pubblicazioni
  • confronto con i competitor.

Ricorda che per risultare realmente operativa, la tua reportistica deve sempre includere una sezione relativa a progressi, criticità, ruoli, tempi di revisione e deadline.

Come utilizzare questi insight? 

Questi dati sono completamente inutili se non si trasformano in piani di azione in grado di portare benefici nel medio/lungo periodo al business. Di conseguenza, le modifiche da mettere in campo devono riguardare le seguenti dimensioni

  • calendario editoriale (programmazione e canali)
  • strumenti, tool e software per la produzione e/o editing
  • tone of voice ed identità grafica
  • argomenti, key message e punto di vista sui temi affrontati
  • tipologie di contenuto per piattaforma
  • formati più appropriati per agire sui diversi momenti del processo decisionale (stimolo, valutazione e considerazione, acquisto, sostegno).

Tieni a mente che bisogna riportare tutte le modifiche apportate, in questo modo potrai valutare correttamente sviluppi e progressi generati dai cambiamenti che hai impostato.

Strategia di content marketing: valuta il peso dei diversi canali e piattaforme
Strategia di content marketing: valuta il peso dei diversi canali e piattaforme.

Se hai voglia di confrontarti con noi, raccontaci le tue best practices su Twitter utilizzando l’hashtag #DigimindTalks e menzionando il nostro account @Digimind_IT. Ti aspettiamo!



New Call-to-action


Rispondi