Negli ultimi anni il potere del content marketing è cresciuto in maniera esponenziale: ecco perché non si può sottovalutare il valore della SEO nella realizzazione del contenuto di qualità.

Cos’è il content marketing?

Partiamo dalle basi ponendoci una domanda apparentemente banale, ma al contempo fondamentale: cos’è il content marketing?

Il content marketing corrisponde a una qualsiasi forma di marketing che includa al suo interno la creazione e la conseguente condivisione di contenuti con lo scopo di acquisire nuovi clienti.

Forme e modalità sono le più varie e possono andare dal semplice testo all’infografica creativa, dai video alle immagini interattive, poi pubblicati su un magazine online, social network o diffusi grazie a DEM o newsletter.

Negli ultimi anni questa nuova tecnica di comunicazione finalizzata ad attrarre il consumatore ha avuto un’esplosione senza precedenti fino al punto di arrivare ad affiancare (e soppiantare?) il sistema di advertising.

Quali sono i punti di forza del content marketing?

A differenza dell’ormai più tradizionale ADV, il content marketing offre all’utente non una pubblicità martellante ma un contenuto testuale o multimediale informativo, utile e soprattutto accattivante. Questo consente non solo di attrarre potenziali consumatori, ma di fidelizzarli grazie alla qualità di ciò che viene loro offerto.

Perché la SEO deve essere parte integrante del content marketing?

SEO e content marketing perfetti sconosciuti? Assolutamente no. Oggi il contenuto di qualità deve passare attraverso le regole dell’ottimizzazione per portare un valore aggiunto, scalare i motori di ricerca e ottenere il massimo della visibilità.

Ecco perché keyword e link sono potenti strumenti in grado di far emergere il vostro contenuto tra la moltitudine che affolla il web, oltre che, ovviamente, alla sua unicità (eh sì, perché anche sui motori di ricerca, come tra i banchi di scuola, chi copia viene penalizzato!).

Il content marketing deve passare attraverso una accurata strategia.

Ebbene sì, anche in questo caso non è possibile ottenere risultati senza la pianificazione di una strategia vincente. Il primo passo è stabilire i propri obiettivi grazie ai quali sarà più semplice effettuare un’analisi per la definizione del target a cui ci si vuole rivolgere.

Proprio in base a esso verranno in seguito selezionati i canali di diffusione e la tipologia di contenuto testuale o multimediale da realizzare.

Una volta stabilito quanto sopra si passerà alla creazione di un piano editoriale e alla messa in atto della strategia di content marketing più adatta alle proprie esigenze.

Ciò che non deve essere assolutamente sottovalutato è il monitoraggio delle attività, grazie al quale si potranno misurare i risultati e capire cosa è possibile migliorare.

Il contenuto è diventato quindi un potente strumento che se di qualità, costruito attraverso le regole dell’ottimizzazione SEO, è in grado di arrivare al potenziale consumatore e conquistarlo. Content is the king!

 

New Call-to-action

Roberta Ravelli
Seo Content Specialist presso Optimized Group intenta a dimostrare che SEO non rappresenti per forza l’esatto contrario di creatività. Nel tempo libero sono un’appassionata di quell’arte che trasforma le parole in immagini.

Rispondi