Come misurare il ROI delle tue campagne sui social media

Valuta e dimostra il ROI delle tue campagne social: una mini guida su metriche quantitative, indicatori qualitativi e KPIs su influencer e top contributor.

Come valutare e misurare il ROI delle campagne social

Prima di pianificare qualsiasi tipologia di promozione, bisogna impostare un attento programma di analisi del ROI delle campagne social. Questa azione permette di valutare pienamente la performance, trarre indicazioni per le prossime campagne e sviluppare nuove opportunità.

È finito il tempo delle azioni non collegate ai risultati! Attraverso tool, processi e strategie le agenzie possono sfruttare i social analytics per generare best practice condivise, insight sul mercato, feedback sui consumatori, oltre che comprendere appieno il reale impatto delle campagne digital, TV, radio o stampa. Le parole chiave sono: comprendere, analizzare e gestire. Tramite la social intelligence l’analisi può far emergere

  • metriche quantitative sulle azioni lanciate
  • indicatori qualitativi sulle campagne
  • KPIs su influencer e top contributor.

Di seguito, andremo a coprire questi 3 punti. Buona lettura e lascia un commento o scrivici su Twitter @Digimind_IT se vuoi raccontarci la tua esperienza.

1. Metriche quantitative sulle azioni

Quando viene lanciata una nuova campagna, si può monitorare in tempo reale l’impatto tramite 4 KPIs principali: numero di messaggi, utilizzo dell’hashtag, potential reach e lo share of voice caratterizzato da un sentiment positivo.

In particolare, le campagne video non possono essere misurate soltanto tramite i KPIs nativi delle piattaforme ma ampliando il monitoraggio ai punti che abbiamo precedentemente coperto.

Alcune indicazioni per impostare il tuo programma di misurazione del ROI delle campagne social:

  • le attività di social media listening permettono di misurare il numero di menzioni e la loro evoluzione temporale, segmentando i dati per i diversi canali (Instagram,YouTube, Facebook, Twitter). Inoltre, potrai identificare nuove piattaforme precedentemente non valutate
  • calcola a fine campagna quante volte è stato ripreso l’hashtag ufficiale, senza dimenticare di includere nel report di analisi gli hashtag collegati creati spontaneamente dagli utenti
  • il calcolo della reach potenziale permette di valorizzare maggiormente i tuoi contenuti e restituisce una migliore comprensione della portata e delle scelte in termini di distribuzione
  • non dimenticare di evidenziare nei tuoi report il numero di messaggi caratterizzati da un sentiment positivo, generati durante tutto il periodo della campagna.

Calcola il ROI delle campagne social con la sentiment analysis

2. Indicatori qualitativi sulle campagne

L’analisi quantitativa offre le prime importanti indicazioni ma da sola non basta. Infatti, bisogna estrarre insight sulla percezione relativa al brand, scelte in termini di consumo e allineamento alla campagna. La social media intelligence permette di andare oltre al mero dato numerico e conseguentemente comprendere le opinioni degli utenti.

Alcuni spunti che le agenzie possono generare per calcolare correttamente il ROI delle campagne social:

  • la natura delle reazioni dell’audience – intercettando gli utenti maggiormente coinvolti
  • la tipologia di contenuti creati spontaneamente dagli utenti (UGC)
  • i temi e i sottotemi legati ai messaggi positivi e nagativi, oltre che il peso delle polarità
  • la classificazione delle tipologie di menzioni associate al brand.

Inoltre, la rilevazione di queste informazioni va associata ad un’indagine sui contenuti che hanno generato il maggior engagement. In questo modo, le agenzie possono ottimizzare il fine-tuning delle campagne in corso e pianificare messaggi e contenuti maggiormente profilati per le future attivazioni.

Come valutare il ROI delle campagne social: misura l'apporto degli hashtag

3. KPIs su influencer e top contributor

L’analisi dell’impatto delle campagne permette anche di identificare media e influencer più pertinenti per aumentare copertura e risultati.

Gli influencer di riferimento possono essere classificati in base a un punteggio complessivo di influenza, per audience (n° fan, follower,etc.) o coinvolgimento (N° menzioni a tema). Questa analisi può essere estesa a brand ambassador, utenti coinvolti durante la campagna, detrattori, audience caratterizzate da poche interazioni.

Non dimenticare di affiancare questa misurazione all’impatto sui diversi media, specializzati o generalisti, valutando il ritorno in termini di visibilità e se sono (o meno) rilevanti per le audience a target.

Come misurare il ROI delle campagne social: valuta il coinvolgimento degli influencer

La social media intelligence non soltanto permette di valutare le campagne digital ma anche di misurare le conversazioni relative ad attivazioni offline e la loro evoluzione nel tempo. Conseguentemente, potrai avere un quadro completo del ROI attraverso l’analisi di KPIs mirati.

Ricorda che la selezione dei KPIs è fondamentale per garantire la soddisfazione del cliente e per presentare correttamente eventuali problematicità. Per questa ragione, devono essere pochi ma ben definiti, in relazione agli obiettivi prefissati, oltre a essere integrati su dashboard dinamiche e report di fine campagna.




KPis e social media marketing


Rispondi